Ricetta della zuppa di legumi perché fa freddo

Cascina Santa Brera - San Giuliano

Quando io e Mama siamo andate alla visita guidata nella Cascina Santa Brera (San Giuliano), s’è pranzato poi assieme agli altri visitatori gustando i prodotti del raccolto e degli allevamenti del posto (uova, miele e salumi).
La signora Irene, la padrona, mi ha risposto così via mail quando le ho chiesto la ricetta della zuppa di legumi che mi è piaciuta un casino, dispensata a grandi mestolate, a suon di bis e forse tris, e ora mi spiego molte cose..

Comunque. Ecco le sue parole:

[…] la ricetta della zuppa di legumi è fatta con soffritto di cipolla, carota e sedano, legumi e cereali misti (si svuotano i pacchetti che si hanno in casa), acqua e brodo vegetale (ne avevo di fatto in casa con le verdure dell’orto).

Semplicità totale. Un po’ di pane fatto in casa, vino spinato dalla botte, chiacchiere amabili con persone nuove e interessanti.

Cosa chiedere di più?

Servitevi. Un piatto di minestrone, così come vi viene, è stupendo in queste sere d’inverno, quando si scambiano due parole mentre si soffia sui cucchiai pieni e fumanti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questa voce è stata pubblicata in Ricette vegane, Vegetariano&Vegano, VitaImpatto1 e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Ricetta della zuppa di legumi perché fa freddo

  1. artemisia ha detto:

    come la capisco! nemmeno io saprei dare le dosi e il procedimento preciso se mi chiedono una ricetta.
    però a me non sempre i piatti vengono bene: forse devo iniziare a seguire di più tutti i libri che leggo? ;)

  2. greenkika ha detto:

    Ci son ricette in cui puoi improvvisare e altre meno, sicuramente una lunga esperienza di studio ti renderà capacissima di fare di tutto senza pesare nulla :-)
    Ah, ma quella zuppa lì, che buona! :-*

  3. artemisia ha detto:

    per esempio sui dolci proprio non son capace di fare a occhio :)
    a proposito: a new york abbiamo assaggiato parecchie versioni molto buone di zuppa di barbabietola rossa, a partire dal borsch russo. magari l’argomento interessa anche a te :)

  4. greenkika ha detto:

    Ecco, per esempio coi dolci NO che non bisogna sgarrare :-D
    Barbabietola rossa, interessa eccome. Non conosco nemmeno una ricetta che la comprenda senza farmi vomitare :-D

  5. artemisia ha detto:

    le barbabietole sono tra le pochissime cose che non mi sono mai piaciute… eppure ti giuro che quelle zuppette mi hanno fatto cambiare idea! ora il problema è riprodurle…

  6. greenkika ha detto:

    magari nel libro di cucina etica preziosissimo che mi ha prestato la Giovane Arrogante, trovo qualcosa
    :-)
    vedremo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...